Lampade: ad ogni casa la sua luce

Ogni casa anche la più piccina può diventare luminosa e vivibile con alcuni trucchi che illudono la vista: la luce riesce a dare fondo e profondità alle cose.

Ecco perché è fondamentale studiare bene l’impianto di illuminazione con un tecnico e arredatore che ci aiuti a capire come posizionare sia le prese di corrente che i punti luce in base alla struttura della casa e allo stile che useremo per arredarla.

La luce intesa come illuminazione di interni deve essere dunque integrata all’architettura, così che pavimenti, colonne, lesene, controsoffitti e punti bui diventano essi stessi luminosi. In generale, la prima regola, sia per i nuovi interventi, sia per le ristrutturazioni, è quella di progettare lo schema di impianto elettrico con i relativi punti luce e le prese (magari previsti in eccesso rispetto al minimo indispensabile) prima o contemporaneamente al progetto degli arredi. E non, come spesso accade, in un momento successivo. Dopo, se abbiamo necessità possiamo integrare con delle lampade di design. Possiamo facilmente capire che il lavoro di lighting designer è sempre più ricercato e ora alcune università propongono dei master in tema per formare persone specializzate nella progettazione dell’illuminazione.

La luce giusta per ogni stanza

Ogni stanza della casa ha un suo modo di essere vissuta e un suo modo di essere arredata ecco che anche le luci che la fanno vivere di colori hanno un’importanza fondamentale. Uno studio mal illuminato non solo ci porta a lavorare male ma ha effetti dannosi sulla salute. Le luci giuste per un living ad effetto. Lampade d’ambiente e spot d’accento per ottenere atmosfere variate e un’illuminazione multilivello.

Per l’illuminazione del soggiorno, quindi ad un ambiente destinato ad attività differenti e varie, è bene ricorrere a tipologie di lampade che rispondano alle diverse funzioni. Possiamo usare luci destinate all’illuminazione generale come le lampade da parete e piantane con l’aggiunta di luci intermedie che evidenziano una particolare zona, per esempio la libreria o la parete dove si trovano i quadri o specchi.

La disposizione dei mobili condiziona in modo determinante l’illuminazione, prima di tutto perché si devono predisporre le prese elettriche. Se nel soggiorno è presente un tavolo da pranzo è bene posizionare sopra un lampadario: conversare alla penombra non è piacevole. In caso di parete destinata ai quadri o una libreria si possono usare i faretti orientabili a seconda delle esigenze. Se i divani sono disposti ad angolo, una lampada da tavolo può essere collocata sul tavolino tra i due.

In caso di stanza ufficio è bene fornirsi di luci bianche e arredamento poco riflettente soprattutto se lavoriamo molto al computer. Una luce specifica va sempre posta accanto alla seduta dedicata all’angolo lettura come le luci dedicate alla scrivania, sempre più tecnologiche, studiate per orientare il fascio luminoso in maniera molto dedicata, grazie a strutture estremamente flessibili.

La cucina essendo un luogo di lavoro dove la visibilità deve essere efficiente si possono usare dei faretti sopra il piano cottura e lavelli direttamente incastonati nel mobilio, nel caso in cui ci sia la tavola è buona cosa posizionare un punto luce nel mezzo, oppure dei faretti che tagliano la stanza da muro a muro.

La luce che teniamo vicino al letto è l’ultima che spegniamo prima di addormentarci, ecco perché è importate sceglierla in base ai nostri gusti ma anche alla funzione. Possiamo utilizzare un punto luce fisso dentro al muro o le lampade da comodino che vanno sempre in coppia perché non si tratta solo di funzionalità, le due lampade incorniciano il letto e tanto influiscono sullo stile finale dell’ambiente. Un’alternativa particolare sta nell’optare per lampade da terra o applique orientabili, ma anche lampade da sospensione che partono dal soffitto e arrivano all’altezza che desideriamo, al nostro fianco, lì dove la sera andiamo a dormire.

Quando si valuta come arredare un corridoio, l’aspetto che forse deve essere curato per primo è l’illuminazione. Si tratta molto spesso di un ambiente cieco, senza finestre, stretto, in cui difficilmente filtra luce naturale, quindi può diventare fondamentale avere una sorgente luminosa accesa anche durante il giorno. Si possono valutare molte alternative, forse la migliore è un’illuminazione in un controsoffitto per dare un effetto d’ampiezza e diffusione. In chiave di risparmio energetico diventa sicuramente fondamentale scegliere una sorgente a basso consumo come possono essere i più classici faretti LED.

In generale per avere un effetto omogeneo, la soluzione più tipica è quella di disporre più punti luce che seguono lo sviluppo della pianta. Tutte queste raccomandazioni possono dare la sensazione che non ci sia molta libertà di scelta. Ma sono diverse le possibilità alternative a una disposizione longitudinale classica. Ad esempio l’uso di applique e lampade da parete può tornare utile se si vuole alternare le pareti da illuminare, anche per avere un effetto di illuminazione soffusa e sorprendente.

Alcuni trucchi per abbellire la casa

Ci sono momenti in cui vorremmo avere un tocco nuovo nella nostra casa. Pensiamo a quando arriva il Natale e come grazie alle luci l’atmosfera cambia notevolmente. Ma non dobbiamo aspettare Natale per avere un nuovo “ambient” in casa, ma possiamo usare uno o più di questi trucchi:

  • File di luci possono essere nascoste dietro lo spessore del ripiano di una libreria in legno o, meglio in vetro, anche colorato.
  • Strip a bassa potenza e a filo pavimento che esaltino un volume come ad esempio il bancone di una cucina a vista possono essere acquistate in un negozio di ferramenta o bricolage. Alcune sono senza fili e funzionano a batteria e possono essere adoperate solo in quella particolare occasione per dare un effetto particolare ad una stanza.
  • Nel bagno possiamo utilizzare dei led portatili per creare un effetto wellness e scenografia per un momento di relax che unisce la comodità di essere nella nostra casa ma la magia di un centro benessere.
  • Led inseriti nelle fughe dei controsoffitti sortiscono un doppio effetto: riproporzionano una stanza troppo alta e al tempo stesso provvedono alla corretta illuminazione d’ambiente. Soluzione ancora più utile se non si vuole intervenire direttamente su pareti affrescate o in mattoni a vista.

La pulizia per la casa più potente sul mercato… a portata di click

Viviamo in una società frenetica in cui, ogni giorno, doveri e piaceri vanno intersecati in una linea temporale limitatissima, con il rischio che, al primo imprevisto, tutto lo schema salti per aria.

Ci troviamo, tra l’altro, anche in un periodo storico in cui i nuclei familiari sono piuttosto variegati: molte realtà sono lontane dalla classica famiglia felice al completo, includendo madri e padri single, scapoli d’oro che non hanno nessuna voglia di sistemarsi o gruppi di amiche che dedicano la loro vita agli animali, vivendo a stretto contatto con cani, gatti ed altri animali da compagnia.

In contesti come questi, può capitare che l’organizzazione del quotidiano risulti ancora più caotica del solito, senza tralasciare che molte donne sole non possono contare sull’aiuto di nessuno e che gli uomini, si sa, non sono famosi per possedere il pallino dell’ordine e della pulizia.

Fortunatamente, però, l’era moderna non ha solo portato caos e scompiglio, ma anche molte soluzioni: tra queste, alcune davvero utili, comode e geniali, come quella offerta dall’aspirapolvere Folletto Vorwerk.

L’aspirapolvere Vorwerk

Il Folletto è tra gli elettrodomestici più conosciuti: da oltre 130 anni, sono milioni le famiglie che gli hanno dato fiducia, portando a casa le varie versioni che il mercato ha messo a disposizione.

Un successo dovuto alla qualità del prodotto, dell’assistenza offerta e del servizio, ma anche alla possibilità di rigenerare completamente l’elettrodomestico attraverso pezzi di ricambio, che sono forniti, oggi, anche online. In questo modo, è come se si allungasse, ad ogni intervento, la vita del dispositivo.

Ma perché, quindi, utilizzare Folletto?

Proviamo a scoprire i vantaggi del suo ultimo modello:

  • Design compatto e maneggevole e facilità di utilizzo, con start-stop automatico.
  • Potenza superiore ad altri competitor sul mercato ed anche alle sue versioni precedenti.
  • Aspira e lava in un solo passaggio.
  • Grazie all’accessorio ad hoc, aspira polvere e peli anche dagli imbottiti (divani, poltrone, materassi), per la gioia di tutti i padroni di animali da compagnia.
  • Grazie ad un sistema di sensori ad ultrasuoni, riconosce il tipo di pavimento su cui sta agendo e regola, in autonomia, le spazzole e la potenza aspirante.
  • Consumi contenuti grazie alla classe di efficienza energetica A+ e all’indicatore di funzionamento a LED.
  • Spazzole rotanti in dotazione, azionate da un motore proprio, che consentono una pulizia accessoria accurata, delicata ed igienica.
  • Forma piatta, che si adatta a tutte le altezze e a tutti gli angoli, anche grazie allo snodo girevole ed inclinabile, garantendo un’aspirazione a filo parete di un’efficacia, sino ad oggi, mai raggiunta.
  • La struttura è in plastica termoformata riciclabile.

Appare, quindi, chiaro come un elettrodomestico del genere si renda praticamente indispensabile nelle case di tutte famiglie, anche e soprattutto in quei nuclei familiari dove è importante mantenere l’igiene e pulire ogni angolo al meglio, senza avere troppo tempo a disposizione (come accade alle mamme single tuttofare) o dimestichezza con questo aspetto della quotidianità (come per scapoli e papà single). Si tratta, anzi, di un dispositivo così semplice da usare che persino i bambini fanno a gara per provarlo!

Ma come dedicarsi alla sua manutenzione e donargli una vita lunga e al massimo delle performance?

Il segreto è comprare i ricambi giusti

Affinché il Folletto funzioni sempre al meglio è importante provvedere alla sua manutenzione e alla sua cura, esattamente come si farebbe con un’automobile: se verrà sempre tenuto pulito e si andrà in suo soccorso, quando necessario, con i giusti pezzi di ricambio, sarà, potenzialmente, un elettrodomestico eterno.

Ma dove reperire materiale idoneo e ad un prezzo ragionevole?

Fino a non molto tempo fa, comprare online era quasi fantascienza e, per qualcuno, anche troppo rischioso. Fortunatamente, nonostante lo scetticismo che pervade ancora molti, internet è divenuto, sotto questo punto di vista, un posto sicuro, a patto di affidarsi ai siti web giusti, con le migliori credenziali.

Di certo, tra questi c’è puliremeglio.it che, da anni, è diventato punto di riferimento per le casalinghe e le famiglie di tutta Italia, offrendo un servizio veloce, puntuale e di qualità… nella comodità di casa propria!

Su puliremeglio.it è possibile acquistare ricambi per tutti i modelli di aspirapolvere Folletto Vorwerk, originali o compatibili, di alta qualità Garantix©: sacchetti, filtri, spazzole, griglia di protezione del motore, cavo di alimentazione, detergente lavenia (per materassi) ed accessori potranno essere recapitati a casa, inclusi il modulo panda o quello pecari per la lucidatrice.

Un e-commerce affidabile al 100%

L’affidabilità del sito web puliremeglio.it è comprovata dalle recensioni dei clienti che compaiono sul portale.

Per ricevere la merce a casa, senza dover spendere giorni a cercare un rivenditore autorizzato nella propria zona di residenza, è sufficiente ordinare la merce che si desidera con un click e scegliere la forma di pagamento che si preferisce, tra carta di credito, PostePay, bonifico, PayPal, e contrassegno. Lo staff garantisce una spedizione super fast in tutta Italia (24/48 ore per la penisola e 96 ore per le isole), con un contributo di 6,90 euro, risparmiabile con un ordine di soli 59 euro.

Guida alla scelta dell’illuminazione

Illuminare casa è un’avventura fantastica e il mercato ci offre tante soluzioni utili e belle che possiamo sfruttare al massimo non solo per scopi funzionali, ma anche estetici. L’illuminazione è da sempre stata a centro delle ricerche di design e l’Italia, con i suoi brand di spicco come Artemide, Fontana Luce o Foscarini solo per fare qualche esempio, è fra i paesi che più hanno tenuto alto il nome dell’illuminazione di pregio nel mondo. Sicuramente fare una scelta di design è ‘per sempre’, perché si tratta di sistemi meravigliosi dal punto di vista estetica, ottimi sotto il profilo materico e destinati a durare a lungo nel corso del tempo, anche aumentando il loro valore.

Vediamo quindi come scegliere l’illuminazione di casa stanza per stanza, con qualche consiglio di stile e funzionalità.

L’illuminazione della cucina: pratica e funzionale

La cucina non è solo il cuore della casa, ma un ambiente funzionale alla preparazione dei cibi e al loro consumo. È quindi importante che l’illuminazione sia precisa e funzionale e che le fonti luminose siano in grado di illuminare con precisione le aree di lavoro come i top della cucina, i lavelli e il forno. Negli ultimi anni si sono diffusi dei sistemi di illuminazione pratici, che sfruttano la chiarezza dei led e che vengono anche inglobati nei pensili nella posizione inferiore. Questi sistemi permettono di illuminare con cura l’area di lavoro e quindi di operare con più semplicità e precisione. In più i led sono economici e attuano un importante risparmio energetico. Le strisce led o i faretti alimentati con questo sistema consumano poco e possono essere ‘nascosti’ nei vani, quindi sono ideali per chi non ama l’illuminazione a vista e per le cucine di tipologia moderna e contemporanea. Chi invece ama il gusto shabby o gli echi industrial può scegliere sistemi di lampade a soffitto che scendono, anche composti da semplici lampadine ancorate con il filo e il portalampade. Si tratta di una scelta di puro stile, che rende la cucina ben illuminata e funzionale ai gesti di ogni giorno. Da non dimenticare l’inserimento di luci sopra la penisola, soprattutto se questa sezione viene impiegata per mangiare. Una bella lampada da soffitto, anche scelta in una versione decorativa, può infatti regalare stile alla cucina e rendere più bella e vivibile questa preziosa stanza della casa.

Il living fra antico e moderno

Il living, o soggiorno, è l’area della casa che può sfruttare l’illuminazione più scenografica, soprattutto quella da soffitto. In commercio possiamo trovare lampade molto scenografiche, a goccia oppure realizzate come commistioni di materiali quali la plastica, il vetro e i metalli. Sempre in tema idee illuminazione interessanti sono i lampadari a goccia che possono essere posizionati in sala da pranzo, anche scelti in versioni contemporanee, quindi in nero o con colori molto appariscenti come il rosa, il fucsia, il rosso o l’arancione. È altresì importante l’illuminazione destinata all’area relax, quindi alle sezioni dove vengono inseriti i divani e le poltrone. In questo caso si può inserire una lampada a stelo o una piantana, che permette di rendere l’ambiente diffuso dal punto di vista dell’illuminazione, quindi rilassante quando si guarda la tv o si sta leggendo. La stessa funzione può essere svolta dalla lampada da tavolo, da posizionare sul tavolino del living ma anche sopra a un mobile per un arredo luminoso dai tratti originali.

La camera da letto bella funzionale.

L’arredamento luminoso della camera da letto può prevedere dei bei punti luce nei comodini, importanti per leggere, ma anche una preziosa luce da soffitto che corona il letto. In questo caso lo stile delle lampade può seguire quello del mobilio già presente, oppure proporsi completamente diverso per dare vita a uno stacco stilistico felice quanto originale. Se, ad esempio, la camera da letto è arredata con stile rustico, i lampadari possono essere scelti in plastica minimal, anche trasparenti, mentre se la camera è molto moderna, i sistemi di illuminazione possono guardare al passato ed essere scelti nelle versioni a goccia o in forti metalli. Ciò che conta è scegliere sistemi illuminati confortevoli e adatti a questa stanza dedicata al riposo. Non a caso molte case produttrici propongo sistemi anche dimmerabili, che possono essere regolati nell’intensità luminosa grazie ad una apposita rotella, semplice e funzionale alla lettura e al riposo. Esistono infine sistemi di strisce a led che possono essere applicate sopra al letto o direttamente sulla testiera, adatti sicuramente alle camere dall’allure più moderna e contemporanea.

Il bagno iper funzionale

Il bagno è il tempio del benessere e deve essere illuminato con funzionalità, quindi è opportuno pensare a dei punti luce posizionati vicino agli specchi che permettono di vederci chiaro in fase di pulizia, di trucco e anche di rasatura. Può trattarsi di faretti o strisce led, che ben illuminano e che possono essere semplicemente integrati nel mobilio oppure di applique esterne posizionate sul muro. Il bagno deve quindi presentare dei sistemi a soffitto e la scelta più pratica può essere ricercata nelle plafoniere, perché sono facili da pulire e non accumulano polvere. Chi ama però giocare con le contaminazioni stilistiche può scegliere lampadari anche bizzarri, con l’accortezza di scegliere delle versioni in metallo bagnato o plastiche verniciate, per essere sicuri di contare su un sistema che ‘tiene’ l’umidità e non si rovina nel corso del tempo.

E i corridoi?

Spesso ci dimentichiamo dei corridoi ma, in realtà, sono le sezioni della casa che hanno più bisogno di essere illuminate con cura, perché sono spesso prive di finestre e di sbocchi di luce. Per arredare con cura i corridoi è possibile pensare a una lampada a soffitto, ma se lo spazio è stretto e lungo questo sistema può non essere sufficiente. Ecco perché arredare i corridoi con applique a muro è un’idea molto astuta, che permette di diffondere luce nelle diverse sezioni e anche di effettuare un bell’arredo parietale. In commercio possiamo infatti reperire tanti modelli di applique, che possono essere scelti in una versione semplice oppure elaborata, anche in questo caso a scomparsa oppure più opulenta e dal forte spirito decorativo.

Un po’ di cera per candele e un pizzico di fantasia… e per i bambini il momento diventa magico!

Anche se il tempo manca sempre, fra scuola, lavoro, impegni domestici e famiglia, sarebbe bene una volta all’anno impegnare una domenica per fare dei lavori homemade a casa con i propri bambini. Il periodo migliore è l’autunno, quando ormai fuori è freddo o piove e si ha la necessità di inventarsi qualcosa per trascorrere il pomeriggio. Un’idea sempre vincente è quella di impiegare una domenica uggiosa di novembre o dicembre per la realizzazione di pensierini da regalare a Natale. I bambini saranno entusiasti di partecipare allo scambio dei regali con gli adulti e di poter donare qualcosa di personale fatto da loro.

Per rendere una domenica speciale, un meraviglioso momento in famiglia e un’occasione per mettere a frutto la propria creatività, bastano un po’ di cera per candele, un pizzico di fantasia e pochi ingredienti da procurarsi con anticipo. Acquistando online i vari prodotti si può risparmiare non poco, cosa importante per dare ai bambini anche la possibilità di sbagliare senza preoccupazioni. Alcuni shop online vendono anche kits già pronti che possono essere utilizzati più e più volte, completi anche di libretto di istruzioni molto dettagliato. In alternativa si possono invece comprare i singoli prodotti.

Quando si realizzano le candele con i bambini bisogna prestare molta attenzione, perché la cera bollente può essere anche molto pericolosa. É interessante che i piccoli vedano come si realizzano questi oggetti, ma è bene prevenire tenendoli a debita distanza. Ciò non toglie che essi possano partecipare attivamente all’acquisto dei prodotti, alla scelta del tipo di candele, dei colori, dei profumi. La parte di maggiore attività dei bambini sarà nella decorazione.

Candele fai da te da realizzare con i bambini: qualche buono spunto

Decorare candele pronte

I bambini possono occuparsi di decorare candele già fatte, utilizzando una colla glitter o i fogli di cera colorata. Sembra poco, ma i bambini saranno contentissimi, basta lasciarli fare, scegliere prodotti colorati e con forme bizzarre. Sono sufficienti pochi stampi o delle formine per i biscotti per avere candeline diverse e simpatiche. In alternativa si possono creare candele con gli stampi dei muffin.

Candele nei vasetti di vetro da decorare

Un’alternativa, se non avete ancora molte dimestichezza con la lavorazione della cera per candele, è quella di decorare quelle contenute in vasetti di vetro. Ad essere decorati a questo punto saranno i bicchierini, che si potranno decorare con un nastro rosso, delle pigne, dei fiori, da incollare con la colla. Il lavoretto in questo modo viene semplificato non di poco e darà risultati perfetti, anche se i bambini sono piccoli. Un’idea splendida è quella di decorare il vasetto a pupazzo di neve: basta un pennarello da vetro per disegnare la faccia e un pezzo di stoffa da avvolgere intorno al vasetto, come se si trattasse della sciarpa del pupazzo. Dei bottoni neri possono completare poi l’opera d’arte.

Candele a uovo

Per realizzare le candele si possono altrimenti utilizzare prodotti più rustici. Un esempio sono le candele realizzate con le uova. Occorrono delle uova fresca, delle perle di cera per candele, degli stoppini ed eventualmente colorante o, in alternativa, dei pastelli a cera colorati. La prima cosa è rompere la calotta superiore dell’uovo per svuotarlo. Una volta sciolta la cera, colorata e aromatizzata, essa andrà utilizzata per riempire il guscio di uovo. Una volta raffreddata la cera, la candela è pronta e basterà lasciare che i bambini rimuovano (con delicatezza) il guscio, rompendolo.

MaxMeyer lancia TREinUNO: 3 smalti in 1 solo! Maxi prestazioni, mini sforzo

MaxMeyer ha lanciato la sua ultima novità: TREinUNO! Questo smalto è all’acqua ed ha alte prestazioni. In un solo smalto si hanno 3 prodotti: il fondo, la ruggine e la finitura.

Il nuovo smalto porta il nome di MaxMeyer, brand di punta di Cromology Italia, gruppo leader del settore delle vernici e sempre sensibile alle innovazioni nel settore. Questo prodotto riesce ad accentrare in una sola soluzione molto innovativa: massimi risultati, impiegando solo la metà del tempo. Il nuovo smalto è a base di acqua ad alte prestazioni, disponibile in doppia finitura satinata e lucida. Esso è la soluzione ideale per la protezione e la decorazione delle superfici in legno, ferro e anche per supporti particolari come le lamiere zincate.

La formulazione particolare dello smalto fa sì che sia possibile applicarlo direttamente sul supporto, senza la necessità di stendere prima un fondo. Lo smalto è pronto all’uso, ha una resa per litro di 11 – 13 mq ed è disponibile in dieci tonalità diverse: nero, grigio fumo, grigio cemento, verde, verde scuro, rosso, marrone, bianco, zucchero, panna.

“Lo smalto TREinUNO è stato creato per avere in un solo smalto, una tripla funzione, in modo da ottimizzare al massimo i tempi di lavoro, dimezzandoli, ottenendo comunque risultati eccellenti.” – sottolinea Giovanna Mollis, Marketing Manager di MaxMeyer DIY – “Lo smalto TRE in UNO è ancora una volta dimostrazione dell’impegno costante di MaxMeyer e di tutto il Gruppo Cromology nella ricerca e sviluppo di nuove soluzioni”.

Lo smalto Tre in UNO è venduto a 15,90 €, in formato da 0,5 litri.

Cromology Italia è leader nel settore delle pitture per l’edilizia in Italia, per produzione e vendita. Essa è costituita da 500 collaboratori, ha due siti di produzione tecnologicamente evoluti per una superficie di 80.000 mq, un hub logistico e tre magazzini regionali per una superficie di 45.000 mg totali. L’azienda affianca alla produzione, una rete di distribuzione integrata, la Colori di Tollens Bravo, che può vantare 14 punti vendita diretti.

Grazie all’impiego di una strategia multicanale competitiva, al suo portafogli costituito da brand di prestigio (come MaxMeyer, Settef, Duco, Baldini Vernici, Viero Paints, Viero, Tollens, Mistercolor, Lo Specialista di Mistercolor) e alla sua offerta di prodotti completa e diversificata, il gruppo Cromology Italia registra una presenza di grande successo in tutti i canali di distribuzione. Cromology Italia, del gruppo Cromology player di respiro mondiale, sviluppa un fatturato di 800ml di euro, detenendo un ruolo di leadership nei maggiori mercati dell’Europa del Sud. Grazie a ben 10 laboratori di ricerca, 13 impianti produttivi ed a 9 piattaforme logistiche, la Cromology è un’azienda all’avanguardia per lo sviluppo e la produzione di vernici e pitture per l’edilizia. I brand di Cromology sono venduti e commercializzati in più di 50 Stati in tutto il mondo, per una presenza diretta in 9 nazioni.

Interior design in stile veneziano

Interior design in stile veneziano: connubio fra tradizione gotica e modernità

Comprare casa è sempre un momento importante, capace di segnare la fine e l’inizio di stagioni di vita che porteremo sempre nel baule dei ricordi. La ricerca dell’immobile ideale può essere più o meno lunga e, se si è fortunati, si può trovare la casa dei propri desideri in tempi relativamente brevi.

Ci sono persone che vivono questo sostanziale cambiamento con entusiasmo e grande voglia di rinnovo, mentre altre preferirebbero delegare ogni decisione pur di non doversene occupare. Sicuramente per ottenere i risultati sperati è preferibile avere le idee abbastanza chiare sul tipo di abitazione che si desidera e soprattutto sullo stile con cui si preferisce arredare gli interni.

Oggi nel mercato dell’interior design sono talmente tante le proposte sia dal punto di vista qualitativo che economico, che può diventare complicato sapersi orientare fra le innumerevoli possibilità in fatto di mobili, cucine, accessori bagno, illuminazione, palette colori ecc… Ci vogliono spiccate doti creative e buon gusto, inoltre, per sapere unire con maestria stili anche molto diversi fra loro, per esempio quello moderno con quello rustico. Fra le tendenze ancora maggiormente in voga rimane in vetta alla classifica lo stile architettonico veneziano. Esso, con la sua matrice di ispirazione gotica e rinascimentale, rappresenta l’emblema dello sfarzo, della ricchezza e dell’eleganza. Riadattando questa corrente stilistica al gusto di oggi è più probabile trovare solo alcuni richiami ornamentali o particolari mobili abbinati ad arredi moderni in un mix ricercato e unico.

Fra gli elementi più apprezzati che costituiscono il tipico e pregiato arredamento veneziano c’è il famoso marmorino, da applicare con una particolare e unica tecnica avvalendosi dell’aiuto di esperti muratori o tuttofare; si tratta di un particolare tipo di intonaco caratterizzato da impermeabilità naturale ed resistenza agli agenti biologici che, si sa, a lungo andare sono capaci di rovinare molti tipi di superfici. In questo particolare composto viene sostituita la tradizionale sabbia con la polvere di marmo, grazie alla quale il muro trattato godrà di lucentezza e vivacità evidenti; da questo si può giustificare non solo l’alta qualità del preparato ma anche il costo tendenzialmente elevato.

Ma c’è chi non si accontenta semplicemente di inserire nella propria casa richiami che rimandino a questo stile pregiato; fra gli amanti dell’intramontabile isola veneta c’è chi arriva a provare il forte desiderio di acquistare un immobile proprio nella stessa città che, unica al mondo, regala suggestioni inimitabili e scenari irripetibili. Il mercato immobiliare veneziano ha subito negli ultimi anni degli andamenti non sempre positivi, tuttavia rimane comunque una delle aree in cui la compravendita e l’affitto di immobili rimane protagonista di un certo fermento. Nell’ambito delle case in vendita Venezia è sicuramente un contesto particolare, caratterizzato spesso da numerosi aspetti tecnici e burocratici da non poter trascurare; è consigliabile pertanto a chiunque volesse affrontare un investimento in questa meravigliosa città di avvalersi della consulenza di seri e affidabili esperti in materia.

L’arredamento della casa del Grande Fratello

Il Grande Fratello cambia veste ed ospita all’interno della casa più spiata dagli italiani, non più gente comune, ma i Vip. I coinquilini dunque verranno spiati da ben cento telecamere distribuite all’interno della casa e per loro non ci sarà più un attimo di privacy. Cerchiamo di capire però in che maniera è stata arredata la casa e di quante stanze dispone.

Il Grande Fratello Vip non ha badato a spese, infatti già da partire dal famosissimo confessionale, gli autori hanno pensato bene di sostituire la precedente sedia rossa con un signor trono color oro. Inoltre i coinquilini hanno a disposizione un enorme open space all’interno del quale possono parlare, ridere e fare qualsiasi attività che più gli piace. Per arredare la casa del GF Vip sono state scelte delle tinte molto luminose e dal colore pastello, prediligendo materiali naturali quali il legno utilizzato sia per i mobili che per le rifiniture. Inoltre all’interno della casa vi è anche stata messa la moquette che arricchisce l’arredamento donandogli un tocco chic. L’unica pecca della casa del Grande Fratello è che i coinquilini hanno a disposizione un solo bagno.

Per ciò che concerne la zona docce, invece è interamente in cristallo. Gli autori del Grande Fratello Vip hanno deciso, per non farsi mancare nulla, di far sfruttare ai concorrenti anche la green technology. In giardino infatti, i coinquilini per produrre l’acqua calda che gli servirà per poter fare la doccia, dovranno utilizzare due cyclette. Sempre nel giardino vi è la piscina la quale è interamente ricoperta di vetro. Inoltre i Vip all’interno della casa possono usufruire dell’idromassaggio, della sauna e del bagno turco. Ma non è tutto perchè nella zona più esterna della casa vi è anche presente l’orto, dove i coinquilini dovranno coltivare le verdure di stagione.

La cucina è a parete con bancone enorme comodo da poter preparare piatti prelibati . I coinquilini hanno a disposizione dei comodi sgabelli a vista per gustarsi in tutta tranquillità la cena o il pranzo. All’interno della casa vi sono una marea di specchi che servono ai concorrenti vanitosi per guardarsi spesso. Vi è anche una zona della casa interamente dedicata a chi si vuole truccare prima dell’inizio della diretta.

La casa del Grande Fratello inoltre è divisa da una ampia zona giorno con tavolo e sedie e da una zona divani dotata da un enorme maxi schermo a muro dove potranno vedere solo alcuni filmati durante la diretta. Quest’anno, la casa del Grande fratello Vip è stata arredata scegliendo un contrasto chiaro scuro a partire dai divani in pelle neri con i cuscini di pelliccia ecologica color bianco, al di sopra del quale vi è un oblò di vetro chiusa da una tendina che servirà a far incontrare i parenti ai coinquilini della casa. Oltre ad un solo bagno, i concorrenti devono condividere anche una sola camera da letto. I letti sono ad una piazza e mezzo e sono in ecopelle, bianchi. C’è inoltre da sottolineare che il colore predominante nella casa è il colore oro.

Consigli per abbinare le porte interne al parquet

Il momento della scelta del parquet diventa un’occasione importante per riuscire a completare lo stile degli ambienti di casa e dare un tocco di personalità all’arredamento. In questa fase entrano in gioco diverse variabili che influiranno non solo sulla tipologia e sul colore del pavimento parquet, ma anche sulla geometria di posa.

È essenziale tener conto delle caratteristiche degli spazi in cui il parquet verrà posato, il punto d’illuminazione nelle stanze, la larghezza e la profondità degli ambienti. Altrettanto essenziale è la scelta della disposizione delle porte ed il loro abbinamento con il parquet. Per dare senso di profondità è importante che il parquet venga posato in senso ortogonale rispetto alle porte. Alla stesso modo, per completare la struttura estetica dell’arredamento, si farà attenzione a scegliere ed abbinare porte, dai diversi stili e tipologie, al parquet giusto.

Come anticipato prima, la scelta e l’abbinamento delle porte da interno con i diversi tipi di parquet, deve conferire armonia e gradevolezza alla casa. Quindi, durante la scelta, la prima cosa da evitare è un contrasto cromatico netto. Meglio giocare su sfumature dello stesso colore.

Abbinamento Porte per Interni e Parquet Rovere

Hai scelto un parquet rovere naturale o sbiancato, ma hai il dubbio su quali tipologie di porte abbinare?  Un’ottima scelta è quella di abbinare porte interne laccate bianche sul parquet rovere biondo o naturale.

Invece, per coloro che amano osare con un tocco di stile, sarà perfetto l’abbinamento delle porte bianche con parquet rovere scuro smoked, per dare un tocco minimal allo stile della casa e conferire luminosità all’ambiente.

Tra le diverse tipologie di pavimenti in legno, il parquet in rovere è quello più apprezzato per le sue caratteristiche di stabilità e resistenza a graffi ed urti. Si presta a tutti i tipi di finiture e si adatta ad ogni tipo di ambiente.

Puoi chiedere ulteriori consigli sull’abbinamento del parquet in rovere alle Aziende specializzate nella vendita di parquet.

Altri Tipi di Parquet e Porte da Abbinare

Un altro tipo di abbinamento elegante e caldo è quello tra le porte scorrevoli in vetro cristallo e parquet ciliegio o Doussiè. O ancora, un parquet in Wengè, dall’essenza scura, abbinato a delle porte per interni a scomparsa, in rovere sbiancato.

Esistono tantissimi abbinamenti di porte e parquet, in diversi stili, ma la regola fondamentale rimane la stessa: meglio giocare su materiali e sfumature dello stesso colore, che creare contrasti cromatici. Poiché alla lunga, questi ultimi potrebbero apparire esagerati e poco gradevoli alla vista.

Le migliori soluzioni per pavimentare con gusto la tua casa

Un’esperienza pluriennale al tuo servizio

Quando ci si appresta ad abitare in una nuova casa, si deve sempre considerare che tipo di pavimentazione utilizzare per rivestirla al meglio; l’obiettivo è portare a termine un lavoro che permetterà di non dover ricorrere a delle modifiche nel corso degli anni, dovute all’usura o al calpestio subito con il passare del tempo. E’ possibile anche ritrovarsi in una situazione differente, ossia quella in cui si decide di pavimentare nuovamente, eliminando le vecchie piastrelle (operazione frequente quando si ristruttura una vecchia casa).

La scelta dei migliori materiali per pavimentare la casa diventa, quindi, fondamentale ed è importante affidarsi a professionisti del settore. Tra le varie realtà presenti sul mercato, se ne trova una che lavora con professionalità da oltre 50 anni nella lavorazione di marmi e graniti, ossia la ditta Carrara Mario, Marmo e Graniti marmo e graniti.

Grazie alla lunga esperienza nel settore, questa ditta di Bergamo e Milano, si è specializzata nella progettazione, realizzazione e posa professionale di differenti tipi di pavimentazione per la casa, oltre a una serie di complementi di arredo (come vasche e docce, elementi di arredo da bagno e cucina, piane per camino) realizzati in ceramica, pietra naturale e vetro.

Prodotti e servizi di qualità

Tra i materiali utilizzati per la pavimentazione della casa, non possiamo non citare marmi e graniti, ceramiche e gres porcellanato, parquet e legno, oltre ai pavimenti tecnici, molto utilizzati in uffici e locali commerciali dove si trovano cavi e installazioni (queste pavimentazioni vengono installate al di sopra di esse).

Carrara Mario e Figli è un punto di riferimento ormai consolidato nella lavorazione del marmo a Bergamo e Milano. Questa pietra naturale è assai pregiata e utilizzata nel settore edilizio, grazie soprattutto al colore e alla lucentezza che riescono a risaltare utilizzando un prodotto di ottima fattura. La caratteristica di questo materiale è quella di essere dura e resistente alle abrasioni del tempo, anche se è spesso difficile da pulire in modo ottimale.

Le ceramiche ed il gres porcellanato sono, invece, materiali che si usano soprattutto per il rivestimento delle pavimentazioni sia interne che esterne. Il costo, rispetto ad altri materiali di pregio, è sicuramente inferiore, ma ciò non va ad inficiare in alcun modo il valore estetico di questo tipo di pavimentazione, che risulta essere comunque moderna ed elegante.

Carrara Mario e Figli è inoltre leader a Bergamo e Milano per la pavimentazione del legno e per la posa di parquet. Questo genere di materiale ha un notevole fascino, perché riesce a rendere elegante un ambiente interno. Bisogna, però, fare attenzione quando si decide di posare questo tipo di pavimentazione, in quanto si tratta di un materiale che richiede grande cura ed attenzione. Una pavimentazione in parquet è perfetta per essere arricchita con differenti elementi di design.

Abbiamo già anticipato come la ditta sia specializzata anche nella realizzazione di pavimenti tecnici, utilizzati anche in locali commerciali. Si può richiedere l’installazione di pavimenti resilienti, dotati di grande flessibilità rispetto a quello con piastrelle, in quanto riescono a deformarsi andando a riassumere la precedente configurazione, una volta eliminata la fonte di sollecitazione. Esistono anche pavimenti sopraelevati, con pannelli modulari sollevati da una struttura apposita, pavimenti laminati (con rivestimenti decorativi ed applicazione di resina melamminica, che conferiscono un aspetto simile a quello del legno) e pavimenti compositi a più moduli, resistente agli sbalzi termici, e non attaccabile da tarli, muffe e funghi.

Se desiderate realizzare una nuova pavimentazione, utilizzando materiali di qualità e affidandovi a una ditta di comprovata esperienza, vi consigliamo di visitare il sito di Carrara Mario e Figli per ottenere un primo contatto.