Pannelli coibentati: guida pratica all’uso

pannelli coibentati

Cosa sono i pannelli coibentati e a cosa servono? Si tratta di pannelli molto resistenti realizzati con materiale isolante sia in ambito termico che acustico che possono vantare prestazioni di meccanica e durata davvero invidiabili. I pannelli coibentati rappresentano tutt’oggi una delle migliori innovazioni in campo edile per quanto concerne la realizzazione di coperture isolanti e possono essere applicati a tetti, pareti esterne o interne, ma anche ai vari pavimenti.

Chiamati anche pannelli sandwich, i pannelli coibentati vengono realizzati con due strati di ferro o legno, a seconda della destinazione d’uso, al cui interno deve essere inserito uno strato di materiale isolante. I materiali da utilizzare variano in base alle esigenze e al progetto architettonico oltre che alle condizioni atmosferiche del luogo. Per aumentarne la resistenza, però, ogni lamina può essere rivestita, infine, con altri materiali come ad esempio il pvc o essere verniciate con coloranti appositi.

Per tetti o pareti esterne si usano solitamente per i pannelli coibentati lamine di ferro che possono essere di: rame, zinco, alluminio o acciaio. Il primo è il materiale più economico che possa esserci sul mercato, ma ha anche ottime proprietà tecniche oltre che un peso ridotto ed un bassissimo coefficiente di dilatazione termica. Lo zinco come l’alluminio ha una elevata resistenza alla corrosione mentre l’acciaio è il materiale che i professionisti preferiscono per la realizzazione delle lamine dei vari pannelli. Duro, ma leggero, infatti, l’acciaio è uno dei materiali più resistenti che vi siano in commercio e la messa in posa è pratica e veloce. Per le pareti interne e i pavimenti si usano pannelli coibentati con lamine di legno. All’interno delle lamine in ferro o legno vi è un materiale isolante composto, per lo più, dal poliuretano che ha ottime capacità di resistere alle compressioni e agli sforzi meccanici, ma anche da lana di roccia o sughero.

Adatti ad ogni edificio i pannelli coibentati possono essere installati sia su nuove costruzioni che su vecchi edifici e servono, in ogni caso, ad aumentare il grado di isolamento termico ed acustico di ogni palazzo o capannone industriale. Fra i tutti i materiali edili sono in grado di non presentare alcuno svantaggio, ma devono essere conservati e montati con attenzione per evitare che si danneggino e che venga compromessa così la loro resistenza.

I pannelli coibentati vanno montati alle pareti attraverso un preciso sistema di fissaggio che sfrutta gli appositi giunti, mentre quelli sul tetto devono essere montati direttamente sulla struttura portante. Come gli esperti sanno essi vanno posti alla massima pendenza possibile su listelli lungo la così detta linea di gronda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *