Piatto doccia o vasca da bagno? Come fare la scelta giusta

Vasca da bagno e doccia rappresentano due differenti modi di essere e di concepire il bagno. Il dilemma è particolarmente problematico in tutti quei casi nei quali non è fisicamente, o economicamente, possibile inserirli entrambi.

Se si ha a disposizione un bagno spazioso è opportuno valutare l’ipotesi di sistemare sia la vasca che il piatto doccia, in modo da soddisfare tutte le esigenze di chi vi abita. E’ molto importante che tutto sia progettato sin nei minimi dettagli, in modo che l’ambiente risulti confortevole ed esteticamente gradevole.

I vantaggi del piatto doccia

Quando invece è necessario effettuare una scelta, è importante prendere in esame non soltanto i gusti personali ma anche i volumi a disposizione e lo stile che si desidera utilizzare. Soprattutto nel caso di bagni in stile retrò, è certamente più consigliato optare per una bella vasca, anche con piedi decorati. Molto più moderno risulta il piatto doccia racchiuso da un box di cristallo. Il piatto doccia, rispetto alla vasca da bagno, presenta alcuni vantaggi, come il fatto di poter essere utilizzato facilmente anche da chi è in là con gli anni o ha problemi di movimento.

Sul mercato è facile trovare cabine doccia ampie nelle quali sistemare, senza alcun problema, maniglioni e seggiolini ad hoc. Il piatto doccia più richiesto è quello ampio , all’interno del quale possono stare comodamente due persone. I modelli di ultima generazione propongono varie opzioni, come un moderno display che consente di fare la doccia ascoltando la radio.

Le vasche da bagno più ricercate

Di contro, la vasca risulta più adatta a chi ama i rituali rilassanti, alle famiglie con bambini piccoli e a chi preferisce lo stile classico e senza tempo. Fra le vasche più ricercate vi sono, di certo, quelle che offrono la possibilità di godere di sofisticati sistemi idromassaggio. La vasca da bagno, solitamente, è più frequente nei bagni spaziosi perché ha bisogno che vicino sia presente una mensola o un armadio con tutto l’occorrente per l’igiene personale; questo problema non si pone con il piatto doccia perché è sufficiente agganciare un porta prodotti su una parete di muratura. Non bisogna però sottovalutare l’ipotesi di optare per una vasca che si possa chiudere con delle pareti di vetro, o cristallo, e rubinetteria da doccia, ossia dotata di comodo soffione. E’ una soluzione comoda che però non si concilia con le esigenze di chi ha necessità di vivere in una casa priva di barriere architettoniche.

In un bagno dallo stile moderno e lineare si può pensare di scegliere il rivestimento del box doccia di un colore differente, così da ricreare un elemento di rottura molto particolare. La vasca da bagno ed il piatto doccia sono differenti anche sotto il profilo dell’impatto ambientale perché se riempita completamente la vasca impiega una quantità molto maggiore di acqua. La colorazione del piatto doccia e della vasca da bagno è la stessa dei restanti sanitari e deve essere armonizzata con il pavimento, i rivestimenti e le pareti. Da qualche tempo sono nuovamente tornati di moda i sanitari colorati o bicolore, come bianco e nero. Si tratta di soluzioni molto particolari che devono essere valutate tenendo conto tanti particolari, a partire dalla tonalità degli infissi.